Albatrellus ovinus

Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Sottoclasse Holobasidiomycetidae
Ordine Russulales
Famiglia Albatrellaceae
Genere Albatrellus
Sottogenere Albatrellus S.F.Gray 1821

 Albatrellus ovinus (Schaeff. : Fr.) Kotl. & Pouzar 1957 – fungo del pane – dal latino ovinus = “attinente alle pecore”.

comme Commestibile discreto.
Ma solo quando è giovane e fresco, perchè è coriaceo e non digeribile da adulto. Essendo buono ed aromatico è da consumare specialmente conservato sotto aceto, sottolio oppure in salamoia.

La carne è bianca, poi giallastra, soda e di facile frattura. L’odore e il sapore sono gradevoli, tipico fungino. Dopo cottura, diventa gialla e con l’aceto vira al grigio-verde.

L’Albatrellus ovinus è meglio conosciuto come “Fungo del pane”, nome popolare ampiamente giustificato dall’aspetto screpolato del cappello che somiglia molto a quello della crosta del pane.

Albatrellus ovinus3.jpg

Il Cappello misura 6-15 cm per 1-3,5 cm di spessore, quasi circolare, convesso o spianato, a volte depresso al centro, margini a lobi ondulati, sottili e spesso macchiati di giallo. Superficie glabra, sovente si presenta screpolato al centro del cappello con una fessurazione a tasselli quadrati. Il colore è bianco a crema ma a volte con macchie brune, giallo-limone o verdastre in età avanzata. Imenoforo con tubuli corti 1-5 mm, pori rotondi o angolosi in numero 2-4 per mm, decorrenti sul gambo, da bianchi a crema nel fungo fresco, tendenti al giallastro al tocco. Il gambo misura fino a 8 cm con un diametro 1-4 cm, centrale o eccentrico, bianco-brunastro, tomentoso e rugoso. Si presenta normalmente libero anche su esemplari concresciuti, leggermente clavato alla base ma attenuato al piede.

Lo si trova in boschi di conifere in montagna, simbionte dell’Abete rosso, spesso numeroso negli ambienti di crescita; in estate-autunno.

albao4.jpg

Il fungo del pane assomiglia al suo “stretto parente” Albatrellus confluens che però è tendenzialmente più marrone. Il fungo del pane diventa giallo verdastro dopo la cottura mentre Albatrellus confluens mantiene il colore originale. I corpi fruttiferi sono spesso saldati o concresciuti con gli altri esemplari. Ha un gusto più acidulo del fungo del pane ed è da utilizzarsi solo sott’olio o sott’aceto.

I funghi del Genere Albatrellus che hanno interesse alimentare, Albatrellus ovinus e Albatrellus confluens, sono prevalentemente reperibili in ambiente prealpino ed alpino. Fanno la loro apparizione nelle zone più umide, buie e fresche del sottobosco, spesso nei siti di rinvenimento occupano interi pendii montani. Rivestono particolare interesse come funghi da destinare alla conservazione sott’olio, per tale motivo vengono ricercati con particolare attenzione.